Enoteca Regionale di Gattinara

La Terra dei Grandi Nebbioli

Curiosità

Al tampastôn dal scinch

A distanza di oltre un secolo, la memoria di quello che successe l’11 agosto 1905 è ancora conservata. Un tremendo temporale, con una grandinata di proporzioni bibliche, sconvolse la vita di Gattinara e dei suoi abitanti. Le piante di vite completamente divelte e i viticoltori dovettero aspettare oltre tre anni prima di rivedere i frutti del loro lavoro. Centinaia di persone emigrarono. Qualcuno l’ha vissuto in prima persona e lo ha raccontato:

Al tampastôn dal milla nofscent e scinc

A l’era l’ündas d’aost dal milla nofscent e scinc, ‘n turn tre bot dop disna, sül bôn d’istaa ’n tal temp a dla canicula.
Mi i lera sôt al pörgu chi i fiva ‘n pignöc, ‘n tant che la mjia a giuntava ‘n quaret ‘n tun par braghi. Tüt d’un culp a dis ca l’è gnü tôp e a l’è sübat bütasi piovi e trunè che mì a l’è dasvagiami ‘n culp ’d trôn che mument an fa druchemi sgiü dla cadrighetta.
Sübat dop a l’è bütasi tampastè, a madonna at fissi vist, as miava il finimônd, dinuvarda, ai preji pü pitti a lero grossi me nusi, al bü-üff alvava ai côp, l’ava ‘n tla stra a l’era quasi auta me ‘l ginöcc, spudiva gnanca büté fora al mur par vardè l’insü parché na cuai prejia t’ as-ciapava al nas.
Ai grundan s’astacavu dal gran peis di preji ca l’eru ‘n canalai. La toppia ‘n tal sêtti a l’era tütta trjià, ai tumatichi ‘n tl’ort a l’eru tütti ‘n bursai, dla bella satatta ‘n ghera pü da nôt, al pransemnu smiava tüt me pasta, i arbiôn, ai teighi, ai fasöi da Romma, ai puvrôn e la zicoria a l’era tüt a stra sôtta la tampesta. A l’è ba dürà an bel tocc…
Basta neh, cuant ca l’è finì da tampastè i sôn andà sü la porta e i sôn ‘nviarami sül cantôndla Ravani-na e ‘n tu côlla a lé gnü anca al “Sep dla veiva”, a l’è gnü anca al “Severin dal Turtulot” (cel a gniva da ‘n tla sciümma), al “Badètt dal Badüss” (me fradel), al “Peru di Patêi” e anca al “Sicônt d’a Slargôn”, e an ghera anca ‘n matascett tüt spuantà che a resta al dì d’ancöy al “Cesarôn” che ‘n tlura anghiva na uten-na d’agn.
I summa ‘nviarani par la stra dal carèt par andè vegghi la culin-na. A madonna, già ‘n ti primmi vegn-i a fiva sgiay, ai rìvi giü, ai tandij-i tütti dastacai, ai vij tütti ‘n bursai, ai carasciöi tücc rôcc, ai prey-i a quarciavu ancô i-arian-ni, a lera ‘n disastar. Cuant chi summa rivà ‘n tla Tur di Castelli ‘s vughiva tüt daltoc. Pöyi summa andà pü ‘n sü e i summa riv-a ‘n tal Pal Fer: a l’era tüt rôte tüt ‘n bursà. Colli belli valbi tütti verdie côn tanta bella uva tacà a l’era staciag-ni tacà pü poca o quasi pü nôt dal tütt.
‘N tal Pal Fer i summa truvà “Steu d’la cuuf” ca lera ‘n viarasi primma d’nuiacc e a lera purtasi dre ‘n crucefiss per feghi vegghi al Bôn Signur que ca l’era stacc bôn da fè. Supatta col crucefiss da na part e supattlu da l’autra e sicome ca l’era vecc e mez gamula a l’è rotsi proppi ‘ntai bras-sci e a l’è ‘ndà finì ‘ntal sces-sgiu. ‘Ntlura sclam-ma Steu “Mee, at crovu ai brasc-sci anctati neh, Signur” que chi duvumma di nuiacc chi i summa gnü puuè, lighè, ‘nbuschè, stre l’yiamm, sapè, bagnè, zarfulè, fèe i mügecc e sfransgi, e tubuqui s’tann i fumma gnanca al vin da beivi. Dinuvarda, a fiva proppi gni sgiü l’ava da iöcc e a fiva piansgi al cör.
Quant chi i summa pöi ‘nda a vandammiè i summa gnanca dastaca la besc-cia da ‘ntla stalla, a fiva gnanca da-basögn. I ‘n davu côn al scivrö sü spalli e dovvi cavagn-gni sôt al brasc. Summa facc quatordas brenti d’vin e stren-sgi ben e i summa ‘nda purteyi a ca d’ Bagnö-ö ca lu pagavu na scü la brenta, e nui i summa facc ‘n po’ d’vinello.
Tanta sgent a lè duvü ‘nde via, la magiur part a l’è ‘nda ‘n Merica e aien stacc là, tancc a ien gnanca gnü ca pü. Tancc i summa ‘nda dop al cunfin, ‘ntla Svizzera par ciapè ‘ncuaic dubiôn par pudei tirè avanti e gni ca a fe i lavur l’istess parchè par tre o quat agn-n i summa facc poc e gnente. Tancc a ien ‘nda ‘n Franza e ‘n Germania a laurè nti minieri.
Côsta a l’è la storia dal tampastôn, ca ‘n cüntava me nonnu Toni ‘n ti seri d’inver trament che dop scen-na i dastagavu la melga. ‘S tampastôn a lè sucedü ‘n tal pais ‘d Gatinèra l’ündas d’aôst dal milla nofscent e scinc ‘n tur tre bot e a l’era ‘n vennar.
Scriccia dal nuvu dal Toni Petterino, Ennio Petterino

Traduzione

Era l’undici agosto del 1905, sul pieno dell’estate, nel tempo della canicola. Ero sotto il portico che facevo un sonnellino, mentre mia nonna cuciva un paio di pantaloni. Tutto ad un tratto dicono che è venuto buio. Si è subito messo a piovere e mi ha svegliato un tuono che a momenti mi fa cadere giù dalla seggiola. Subito dopo si è messo a tempestare, o Madonna se avessi visto, sembrava il finimondo; Dio ci assista, le pietre più piccole erano grosse come noci, il vento alzava i coppi, l’acqua per la strada era quasi al ginocchio, non si poteva neanche mettere fuori il viso per guardare all’insù perché una qualche pietra poteva romperti il naso. Le grondaie si staccavano dal peso dei sassi che le intasavano.

La toppia nel cortile era tutta tritata, i pomodori nell’orto erano tutti rovesciati, la bella insalata non esisteva più, il prezzemolo era diventato una poltiglia, i piselli, i fagiolini, i fagioli, i peperoni e la cicoria erano tutti sotterrati dalla grandine. E’ ben durata un bel pezzo ma basta là che quanto è finito di grandinare sono uscito e mi sono incamminato verso l’angolo della “Ravaninna”; in quel momento mi è venuto dietro il “Sepp d’la veiva”, è venuto con noi anche il “Severin dal Tourtulot”, il Badet dal Badus, il Peru di Fatei e persino il Sicont d’la Slargon e c’era anche un bambino che al giorno d’oggi sarebbe il Cesaron che allora aveva una dozzina d’anni. Ci siamo avviati per la strà dal caret per andare a vedere la collina. O Madonna, già nelle prime vigne era un disastro: le rive cedute, i filari tutti staccati, le viti tutte rovesciate e i pali delle vigne tutti rotti. I chicchi di grandine avevano riempito i fossi: era un vero disastro.

Quando siamo arrivati alla torre delle Castelle la vista della collina era tutta così, poi siamo andati più su e siamo arrivati al Pal Fer: era tutto rotto e tutto rovesciato, quelle belle vallate tutte verdi e della bella uva attaccata era rimasta ben poca. Al Pal Fer abbiamo incontrato l’Asteu d’la Couf che si era incamminato prima di noi e si era portato dietro un vecchio crocifisso per far vedere al buon Dio cos’era stato capace di fare e muovendo il crocifisso da una parte all’altra, essendo già tutto tarlato, si erano staccate proprio le braccia e sono cadute nel pantano allora Asteu esclamò: neh ti cadono le braccia anche a te, cosa dovremmo dire noi che siamo venuti a potare legare, concimare, bagnare e mettere lo zolfo e guarda qui, quest’anno non facciamo neanche il vino da bere. Dio ci assista, faceva proprio scendere le lacrime e piangere il cuore. Quando poi siamo andati a vendemmiare non era neanche necessario usare le bestie da soma: andavamo solo con una gerla sulle spalle e una cavagna sottobraccio, quell’anno non abbiamo neanche fatto il vino da bere e abbiamo fatto solo 14 brente di vino. Siamo poi andati a venderlo a casa del Bagnò e ce l’hanno pagato cinque lire la brenta. Siamo poi dovuti andare in Svizzera a lavorare per guadagnare anche qualche doblone. Che vita ragazzi che abbiamo dovuto fare per tirare avanti. Questa è la vera storia da Tampaston accaduto nel paese di Gattinara l’11 agosto del 1905.

 

 

GIGGI ZANAZZO: UN LOZZOLESE “DE ROMA”

Giggi_Zanazzo_(1895)b

Giggi Zanazzo, all’anagrafe Luigi Antonio Gioacchino Zanazzo, (Roma, 31 gennaio 1860 – Roma, 13 dicembre 1911), è stato un poeta,commediografo, antropologo e bibliotecario italiano. Studioso delle tradizioni del popolo romano e poeta in romanesco, è considerato, insieme con Francesco Sabatini, il padre fondatore della romanistica. Alla sua scuola mossero i primi passi Trilussa e i più bei nomi della poesia dialettale della Roma d’inizio secolo.

Il padre di Giggi partì da Lozzolo nel 1838, arrivò a Roma e si affermò con il commercio del vino e dei merletti, mentre il figlio iniziava con grande successo a scrivere poesie, favole, leggende e testi teatrali.

[fonte: wikipedia]